Non fa scandalo …

Ma quante pretese, e che tormento con questa storia dei cristiani perseguitati nel mondo, delle suore arse vive dai fondamentalisti indù, con la Chiesa che implora addirittura un intervento dell’Onu perché metta fine a quegli sporadici episodi di discriminazione religiosa che esageratamente i cattolici definiscono ‘cristianofobia’. Ma davvero, con tutti i guai che infestano il Pianeta, dovremmo preoccuparci dei villaggi cristiani in India, rasi al suolo, degli orfanotrofi incendiati, dei bambini inseguiti fin nella giungla da branchi di fanatici armati di coltelli? Dovremmo dare credito ai rapporti sulla Chiesa oppressa nel mondo dettagliatamente illustrati su pochi giornali?

Come se davvero potessero smuovere la coscienza mondiale i vescovi cinesi spariti per non aver accettato la sottomissione del silenzio patteggiata col regime, i trecentomila cristiani inghiottiti nel nulla nella Corea del Nord, i sacerdoti sterminati e le suore eliminate, le decine e decine di missionari cattolici massacrati negli agguati che insanguinano il sud delle Filippine, gli attentati in Indonesia contro le comunità cristiane colpevoli soltanto di aver esibito un crocifisso. In Arabia Saudita i cristiani non possono costruire chiese, se vengono trovati in possesso di una croce rischiano la morte, sono sottoposti all’attenzione asfissiante di un corpo speciale di aguzzini, la polizia religiosa (e sommariamente condannati) per un niente se solo si azzardano a fare ‘proselitismo’. Dovranno forse turbare la quiete religiosa del mondo con simili inezie?

E chi chiede un rudimentale principio di reciprocità nell’espressione della libertà di culto (libere chiese e libere moschee in liberi Stati) non si fa forse paladino di una deleteria campagna di avvelenamento dello scontro tra religioni? Nel sud del Sudan i cristiani uccisi dalle bande schiaviste che hanno agito nel nome dell’islam più radicale ammontano a due milioni (si, due milioni): non fa più notizia. Nemmeno nel Darfur, dove la carneficina continua, milioni di persone perdono la vita per via della loro religione, ma l’Onu, saggiamente e prudentemente, si ostina a non chiamare genocidio il genocidio.

In Nigeria, i fondamentalisti, con apposite spedizioni punitive su cui sarebbe il caso che la comunità internazionale continuasse a non intervenire per non guastare con ingiustificato sdegno la pacifica coesistenza tra popoli e religioni, hanno annientato ventimila cristiani e distrutto non meno di cinquecento chiese. Ma sarebbe assurdo e pericoloso per la serenità del mondo, avvalorare la storia della ‘cristianofobia’. In Somalia, una suora di oltre sessant’anni troppo temeraria e fanaticamente convinta che fosse il caso di aprire a Mogadiscio un centro di raccolta per bambini dispersi e senza famiglia, Suor Leonella, è stata uccisa davanti al cancello dell’ospedale. I cristiani sono sottoposti a persecuzione, ridotti al silenzio, messi nell’impossibilità di conservare sia pur nascosti e non esibiti, i simboli della loro fede, in Egitto, Pakistan, Iran, Yemen ma non si dovrebbe generalizzare per non dare spazio ai nemici della pace religiosa.

E per non intasare gli uffici dell’Onu, già oberato di lavoro per dover affrontare anche queste quisquilie. O no?

(Pierluigi Battista,  Corriere della Sera)

21 Responses to “Non fa scandalo …”


  1. 1 Hayalel November 23, 2009 at 17:10

    È il fastidio per la verità che produce sia questi comportamenti, sia il considerarli non importanti.
    Le persecuzioni non devono spaventarci o demoralizzarci.

  2. 2 OsteriaVolante November 23, 2009 at 17:26

    Ciò che mi rattrista è che i primi ad infischiarcene siamo noi cattolici. Pensiamo che tutto sommato è brutto lamentarci, è brutto fare la voce grossa perchè dobbiamo essere miti ecc ecc. E intantio i nostri fratelli vivono una persecuzione senza precedenti e pagano con la vita la loro fedeltà (non come noi comodi sulle poltrone). A volte mi vergogno per la mia pochezza di fronte a tanta santità e tanto coraggio.

    L’oste

  3. 3 Andrea November 23, 2009 at 19:05

    Vi ricordate tutto ciò che accadde con la pirateria a largo delle coste somale fino a qualche settimana fa? Persino l’Italia ha mandato se non sbaglio una nave militare.Ma perchè la pirateria fa scalpore mentre le altre cose vengono dimenticate? Per lo stesso motivo per il quale si mandano le navi….cioè per interessi economici. Come dicevo l’altro giorno,si cerca di distruggere e disvalutare ciò che si era voluto costruire,facendo precipitare la società “di nuovo” nel buio della cecità e della sordità.Il fatto che si parli di diritti è positivo,ma il vizio dei molti rimane quello antico. Ovviamente mi riferisco all’ONU,che sembra una nave fantasma. Tutto ciò che si era guadagnato: la questione sui diritti dell’uomo,tutto ciò che il progresso sociale stava costruendo sembra scivolare in basso. A causa di cosa? Sempre lui c’è dietro…il denaro,che sia di bronzo,che sia sottoforma di diamanti,che sia sottoforma di monete d’oro,o sottoforma di moderni dollari. A causa dell’oro, gli europei sterminarono un’intero continente in nome di una ipocrisia oltre ogni limite. E’ sempre stato così. L’europa è cambiata,il resto del mondo è rimasto lo stesso,ed essendo ricco e sfruttabile,nessuno ha seriamente intenzione di esportare valori. Ci vorrebbe una rivoluzione culturale in loco,che solo attraverso la conoscenza può verificarsi,come avvenne in europa. Io stimo ad esempio i movimenti degli studenti iraniani che combattono contro l’oscurantista regime teocratico,che,come tutti i regimi,guadagna nel tenere il popolo nell’ignoranza. Oltre a ciò,pensate che il Papa Ratzinger nel suo discorso a Ratisbona si sbagliava? Non si sbagliava affatto. “La guerra santa è contro Dio”…questo è il vero volto del’islam. L’occidente è superiore al mondo islamico, assolutamente non in senso razziale,ma in senso culturale e sociale. Non bisogna aver paura di dirlo. Da noi parliamo finalmente di diritti(già il fato di parlarne è una cosa positiva),da loro non c’è spesso proprio il concetto di “diritti”,cose che invece sono state esportate dall’occidente sicuramente più evoluto,ma oggi retrogrado o silenzioso,e per questo,in qualche modo complice. E così sentiremo di qualche attacco pirata a qualche nave commerciale cinese e mai di genocidi in africa. L’ONU fino al 2006 sembrava occuparsi del Darfur,ma poi sarà sceso in campo qualche interesse occulto,ma sepre verde come il dollaro!
    Ovviamente sono considerazioni puramente personali.

  4. 4 Parunzein November 23, 2009 at 20:00

    Io vi quoto tutti e tre.
    E’ il fastidio per la verità che in fondo è senz’altro anche l’interesse occulto che dice Andrea.
    La cosa più brutta è, come dice l’Oste, che i primi ad infischiarcene siamo noi cattolici.
    Basta fare un giro sulla rete.. quanti siti o blog o giornali ‘cattolici’ parlano di questa persecuzione? Difficile trovarli.
    Ci sono in compenso tantissime notizie su mussulmani presi in giro o trattati male in Europa (!)

  5. 5 Jeffrey Low November 23, 2009 at 20:40

    Their only crime: THEY ARE CHRISTIAN!

  6. 6 Andrea November 23, 2009 at 22:27

    “Basta fare un giro sulla rete.. quanti siti o blog o giornali ‘cattolici’ parlano di questa persecuzione? Difficile trovarli.
    Ci sono in compenso tantissime notizie su mussulmani presi in giro o trattati male in Europa (!)”

    Concordo perfettamente Parunzein.

    Basta alzare un pò la voce e subito si viene tagliati fuori. In occidente no,ma altrove si. Sapete la storia di Gao Zisheng? Famoso avvocato cinese,che appena si è messo a parlare di “diritti umani”,per difendere i cristiani(non mi interessa se sono cattolici o protestanti),è stato arrestato diverse volte fino al giorno in cui,dopo essere stato torturato,è scomparso. Sono state firmate migliaia di petizioni per ottenere il suo rilascio,ma….si può intuire che fine abbia potuto fare. C’è bisogno di “lumi”,di una rivoluzione umana,anche al di là del fatto religioso; e comunque il cristianesimo è stata l’unica corrente religiosa capace di interpretare e accorpare armoniosamente la questione dei “diritti” e della libertà. Come dice l’oste, noi cattolici rimaniamo indifferenti, e lo facciamo anche nella nostra europa. Un esempio sono le elezioni politiche. Diciamo sì di essere cattolici,ma poi quando andiamo a votare abbiamo sempre le nostre bandiere e finiamo per assecondare sempre gli stessi totem. Non capisco perchè cristiani votano l’estrema sinistra,la sinistra o la destra e l’estrema destra oppure non si uniscano tutti votando ad esempio Maghdi Allam,che sembra essere l’unico vero politico cristiano. Diciamo sempre di essere cristiani e cattolici,ma poi quando possiamo diventare veramente protagonisti,e cioè unendoci tutti, ci tiriamo sempre indietro e ognuno per la propria strada. Se il nostro voto fosse unito,se fossimo veramente uniti…. Il problema siamo noi! Noi siamo qui a parlare, la televisione manda in onda sempre spettacoli,mentre dall’altra parte vige ancora la legge del taglione. E a pagarla sono sempre i cristiani,i più odiati dal mondo,gli odiati da satana. I cristiani e gli indifesi(non solo cristiani),sono,dall’alba dei tempi,sempre le vittime sacrificate,proprio perchè non partecipi dei movimnti del mondo. E noi occidentali cristiani dovremmo prendere esempio dai nostri fratelli dell’altra parte del mondo,dovremmo prendere esempio dal loro coraggio. Sono loro la vera chiesa militante,a mio avviso,e il loro sangue versato dovrebbe essere per noi una spinta rinnovata verso Cristo.

  7. 7 Domiziano November 24, 2009 at 01:12

    Magari Andrea magari!
    Li vedi tu gli italiani cambiare il loro partito? Ne dovrà passare di acqua sotto i ponti prima che molti qui capiscono che sarebbe l’ideale se, almeno chi è Cattolico, si votasse per Magdi Allam ….
    Ti ricordi cos’è successo al povero Ferrara?

  8. 8 Antonella November 24, 2009 at 06:38

    All we can do is testify with our lives as it says in Timothy 2 : 7-8
    Show yourselves in all respects a model of good works, and in your teaching show integrity, gravity and sound speech that cannot be censured; then any opponent will be put to shame, having nothing evil to say of us.

    An ancient truth of christianity – that it is normally by example, not words, that the faith spreads.

    • 9 Lavinia November 24, 2009 at 10:05

      But I am sure that this people show themselves always a model of good works. I am sure they integrity and good speech for God but…… opponents put to shame? Please explain me.

      Sorry my english.

      • 10 Antonella November 24, 2009 at 10:57

        Even if we are led like lambs to our slaughterhouse and not say a word……..as the martyrs in the colosseum and countless others throughout the world and the Master himself (Jesus Christ) eventually the perpetrators and people will see the courage and bravery and faith of all christians and lets not forget that the blood of martyrs covers over a multitude of sins. Jesus Christ is our model and example. Our oppressors are put to shame by our bravery, truth and as in the video above…..even though the opponents inflict pain…God gives us the grace not to betray our friends or faith even under torture. The opponents are put to shame! Their cowardly acts betray them !

  9. 11 Asmarina November 24, 2009 at 06:57

    Let us be reminded that the evil which is in the world cannot change the course of things. God is ever victorious.

  10. 12 Cinzia November 24, 2009 at 09:37

    “Sono loro la vera chiesa militante,a mio avviso,e il loro sangue versato dovrebbe essere per noi una spinta rinnovata verso Cristo.”

    Ben detto Andrea! E’ proprio cosi’ …

    Quanti di noi, con tutte le nostre belle parole e citazioni di vangelo, al momento della verita’ abbiamo il coraggio di dare la vita per Nostro Signore, per la nostra fede?

    Chissa’ …

    Il paradiso di certo e’ stracolmo di questi martiri e santi. Beati loro! Hanno guadagnato di piu’ di tutti noi ancora “incatenati” su questa terra piena di peccato e di malvagita’.

  11. 13 Orsobruno November 24, 2009 at 10:03

    Sono le stesse persecuzioni che hanno subito i nostri avi da Nerone (67 d.C.) a Diocleziano (305 d.C.).
    Eppure ci colpiscono di più quelle avvenute qui, quasi duemila anni fa, di quelle che avvengono oggi in Asia e in Africa.
    Non è che manchi la cognizione dei fatti: quotidiani come Avvenire e, più sinteticamente, molti altri, ne parlano. Però rimaniamo addolorati ma inerti.
    Come mai?
    Io ho un’idea. Magari non è né completamente vera né completamente falsa, ma contribuisce al 30% (faccio per dire!) al problema.
    Ci sembra di non avere speranza. Ci sembra di non potere fare nulla, salvo pregare.
    Ma se un partito o anche solo un candidato politico dicesse: “Io ho un piano per diminuire questi eccidi, per influire, almeno in alcuni Stati, su questa barbarie”, credo che molti di noi si rincuorerebbero, si attiverebbero. E forse sui nostri siti non scriveremmo soltanto che una vecchietta padana ha dato una borsettata (col mattone) in testa a un marocchino.😉
    Aurelio

  12. 14 Laura November 24, 2009 at 12:12

    Qllo che dicono Andrea e Orsobruno è vero ma penso ke noi italiani dobbiamo maturare un bel po’.

    Trovo anke ke c’è un altro tipo di xsecuzione: qllo attuale, giornaliero, al qle siamo sottoposti noi giovani Cattolici tradizionali ke vogliamo con ttto il cuore seguire Gesù. Noi siamo qlli sempre presi in giro, siamo qlli ke x il mondo siamo fuori moda, siamo qlli ke nn ascoltano le voci interessate e suadenti che propagandano modelli di vita improntati all’arroganza e alla violenza, alla prepotenza e al successo ad ogni costo, all’apparire e all’avere, a scapito dell’essere. Noi nn andiamo dietro all’onda e per questo siamo le vittime preferite dei ns coetanei ‘moderni’ ke girano mezzi nudi, ke vivono insieme, ke meglio nn pensare a Nostro Signore xké ci vogliamo divertire..

  13. 16 Cinzia November 25, 2009 at 04:16

    Ciao Gimli – questo video sicuramente lo avranno fatto e messo in circolazione dopo aver letto i miei commenti su questo blog 🙂

    Essendo in esilio in terra straniera da oltre ventanni … il mio Italiano si e’ ridotto esattamente come quello del video😦

    Vi do un esempio di come gli Italiani in Australia parlano l’italiano:

    Frase in “italiano:”
    La polissa mi ha buccato perche’ spidavo”

    Traduzione:
    La polizia mi ha fatto la multa per aver superato il limite di velocita’ consentito dalla legge.”

    L’originale in inglese:
    The police booked me for speeding.

    Di esempi come questo ce ne sono a centinaia … potrei anche scrivere un libro! Quindi lasciate ogni speranza voi che entrate 🙂 … in questo paese l’Italiano vero non si vede neppure col cannocchiale.

    Saluti dal paese giu’ sotto (sotto sotto in tutti i sensi)

  14. 17 Antonella November 25, 2009 at 07:26

    Oh Cinzia that is so funny…at least one can have a good laugh in Australia !

  15. 18 WalkerScott November 26, 2009 at 08:33

    Secondo me alla base di questa indifferenza verso le persecuzioni dei cattolici, c’è la stessa indifferenza che i cattolici hanno nei confronti dei perseguitati delle altre religioni. Non saranno mica solo i cattolici ad essere perseguitati no?

    Si tratta inoltre secondo me di un problema di immagine: se un tizio in giacca e cravatta, pieno di soldi da non sapere dove metterli, che vive nel lusso, ti viene a dire che è perseguitato non sembra molto credibile, nonostante magari sia proprio vero. Se invece a dirtelo è qualcuno con abiti più umili, patito, etc. di certo si è più portati a crederlo.

    In buona sostanza io sono dell’idea che la Chiesa Cattolica dovrebbe un attimino ridimensionarsi da un punto di vista materiale, se non altro per avere maggiore credibilità.

    “E’ più facile che un cammello passi dalla cruna di un ago che un ricco vada nel Regno dei Cieli”

    • 19 Annachiara November 26, 2009 at 10:40

      Una Chiesa povera e miserabile, con un Papa che vive magari in una capanna, senza niente, secondo te come farebbe a fare tutto quello che fa, da secoli (da quando la Chiesa ha ‘inventato’ gli ospedali, gli orfanotrofi, gli istituti per ragazze madri, per malati mentali, ecc, nel mondo intero per aiutare tutti?
      E se anche ti sembrerà un paradosso io ti dico che si può essere “poveri” anche con il portafoglio pieno perchè la differenza la fa il modo con il quale si vive il denaro.
      Ho conosciuto della gente di basso reddito che a quel poco che aveva era attaccata come una sanguisuga e non era per niente ‘povera’ come bisognerebbe essere.
      Concludo dicendoti che molte cosiddette ricchezze della Chiesa non producono alcun reddito, ma sono frutto della devozione e del rispetto di tanti fedeli che nel corso dei secoli hanno provveduto ad arricchire ed abbellire la Chiesa e questa ricchezza, l’80%, è patrimonio dell’umanità.
      La Cupola di San Pietro o quella del Brunelleschi o i fasti della Cappella Sistina, o le centinaia di bellissime chiese storiche, non sono ‘ricchezze’ per la Chiesa, ma lo sono di tutti perchè tutti le possiamo guardare ed ammirare.
      E poi chi è che si da da fare più della Chiesa nel sociale?
      Per esempio, in Brasile la Chiesa si è mossa tanto, ed ha avuto anche tanti martiri tra i vescovi, i preti ed i cristiani impegnati proprio sul fronte della promozione della giustizia. In particolare si è mossa su due linee: innanzitutto far prendere coscienza dei loro diritti ai poveri, attraverso le organizzazioni di innumerevoli comunità di base. Quindi un grande lavoro sul fronte educativo. E poi attivando una iniziativa, che a me è piaciuta molto, che è quella della ‘pastoral de la crianzia’, come la chiamano loro, che vuol dire la ‘pastorale per i bambini’, con cui hanno aiutato tante donne, tante mamme e tanti bambini di strada. Una goccia se consideriamo tutto quello che fa.
      E poi basta con questa solita solfa! Usiamo un po’ la nostra testa e la nostra intelligenza!

      (I peseguitati sono i Cristiani, ovunque, anche qui in Europa)!
      (Perchè usi un nick inglese? Walker Scott è un personaggio dei fumetti?)

  16. 20 Andrea November 26, 2009 at 19:34

    Si,ci sono altri perseguitati,anche non cristiani,ma la Chiesa istituzionale non ha taciuto. Come nel caso delle tristi vicende tibetane,dove il Papa,ha difeso per così dire,i tibetani dalla rappresaglia del governo cinese,prendendosi le dure critiche da parte di quest’ultimo. Anzi,la Chiesa,con Giovanni Paolo II e Benedetto XVI,alla fine, è l’unica realtà istituzionale ad intervenire nelle diverse faccende. Anche per questo taluni hanno così duramente attaccato il Papa negli ultimi mesi. Questi signori vorrebbero una Chiesa debole,in maniera tale da poter operare nell’ombra le loro malefatte,come lo sfruttamento del popolo africano(che non è solo di cristiani,ma soprattutto costituito da musulmani). Tra un politico e uno scienziato,c’è di mezzo sempre l’africa,terreno da sfruttare,terreno di cavie umane,terreno di diamanti ecc… E’ proprio quello che è accaduto qualche mese fa,quando il Papa è stato attaccato a livello internazionale da politici e sedicenti scienziati che lo hanno calunniato attraverso i media importanti(che poi sono governati da loro). La Chiesa e il Papa(ovviamente stiamo parlando dei nostri tempi) ha sempre sostenuto l’autodeterminazione dei popoli. Ed il fatto che il popolo africano assuma una propria autocoscienza è cosa assolutamente da evitare da parte di questi massoni sparsi un pò dovunque. Guai a chi ficca il naso nei loro interessi,soprattutto in Africa,ma la Chiesa che vede tutto,perchè realmente presente sul posto,potrebbe sapere molte cose,perciò viene vista come il nemico numero uno da parte di questi signori massoni e mafiosi.

    Annachiara,aggiungiamo alla lista anche le università,ennesima invenzione della Chiesa,senza la quale,nemmeno i signori atei sarebbero lì dove stanno,visto che alcuni di essi si reputano così “intelligenti” da pretendere di sapere tutto e di controllare tutte quelle cose culturali e umanistiche,che senza la Chiesa non sarebbero esistite. Poveri loro…!!!

  17. 21 WalkerScott November 27, 2009 at 09:06

    @ Annachiara – Quello che avevo da dire sull’argomento di questo post l’ho già scritto nel mio commento precedente. Non ritengo giusto andare OT. Si potrebbe discutere sulle ricchezze della Chiesa per molte ore ma non ritengo giusto occupare questo spazio andando fuori argomento appunto.

    Riguardo al mio nick, si tratta di una mia scelta personale che ti posso illustrare in altra sede (vedi sopra), comunque non si tratta di un personaggio dei fumetti (che io sappia)


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Traduci / Translate

My Patron Saint

Archangel Gabriel

God's Messenger



Another beautiful day! Praise the Lord.

November 2009
M T W T F S S
« Oct   Dec »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

THE LATIN MASS


The most beautiful thing this side of heaven!




FALANGI, TRUPPE, DIVISIONI CORAZZATE. ECCO CHE AVANZA IL NUOVO CATTOLICO: INNAMORATO DI GESU', INTRANSIGENTE, MOVIMENTISTA, IL CROCIATO DEI VALORI, IL SOLDATO DI CRISTO, UN CUORE TRADIZIONALISTA, AMANTE DELLA MESSA DI TUTTI I TEMPI ...



e-campagna: Io sto con il Papa

IL CANTO DEL PARADISO


Dopo due millenni di studi, di ricerche e di esplorazioni scientifiche, la genesi del canto gregoriano resta un mistero irrisolto


RELIGIOUS LIBERTY MIGHT BE SUPPOSED TO MEAN THAT EVERYBODY IS FREE TO DISCUSS RELIGION. IN PRACTICE IT MEANS THAT HARDLY ANYBODY IS ALLOWED TO MENTION IT.



PRAY THE ROSARY


The story of our salvation!







Blog Stats

  • 142,473 hits

Clipart

Recent Comments

Lost Bear on O Causa Nostrae Laetitiae
Margaret Rose Bradle… on O Causa Nostrae Laetitiae
Deana Dodds on O Causa Nostrae Laetitiae
Margaret Rose Bradle… on O Causa Nostrae Laetitiae
Judith Golden on O Causa Nostrae Laetitiae

Visitor locations – first year

Visitor locations – current year



IN HOC SIGNO VINCES




INDIFFERENTISM is a mortal sin; a condemned heresy. That's the Catholic view of the matter. INDIFFERENTISM paves the way to MORAL RELATIVISM. I have been accused of the opposite of ‘Indifferentism’, which is defined as ‘Rigorism’, and the charge is not without some merit. I believe in a rigorous following of Church doctrine and in strict accuracy in proper Catholic catechesis, and I openly attack watered-down Catholic doctrine and catechesis whenever and wherever I encounter it. Many friends scold me saying that for me it’s either my way or the highway. But here’s the thing … it’s not my way; I didn’t make up all (or any of) the rules of Catholicism. I’ve been told “you’re too rigid in your doctrine,” as if it were my doctrine. When it comes to Catholic catechesis, there is only one Church teaching, and it is represented in the Catechism of the Catholic Church. I’m prepared to defend any item in it, against any opponent. I draw the line at ‘indifferentism’ and ‘moral relativism’. All belief systems are not the same. The ones who push it the most are the ones who seek to replace it with something less. Again, indifferentism paves the way to moral decay. Don’t let it seep into your thinking. May you please God, and may you live forever.

“Oremus pro beatissimo Papa nostro Benedicto XVI: Dominus conservet eum, et vivificet eum, et beatum faciat eum in terra, et non tradat eum in animam inimicorum eius.”



Powered by WebRing®.
This site is a member of WebRing.
To browse visit Here.
Catholic Blogs Page




Italian Bloggers
Religion Blogs


Don't consider abortion ...


... give a child the chance to tell you how much life is appreciated



WARNING!!! This blog is heretic repellent ...


MODERN CATHOLICS SEE THE CHURCH AS AN ‘OLD-FASHIONED’ DISCRIMINATORY INSTITUTION OF WHICH THEY ARE ASHAMED – A TRADITIONAL CATHOLIC WILL DIE TO DEFEND IT.

MODERN CATHOLICS WOULD JUST AS SOON LEAVE THE CHURCH FOR A TRENDY ALTERNATIVE IF THEY DON’T GET THEIR WAY – A TRADITIONAL CATHOLIC WILL REMAIN UNTIL THE END OF TIME.


THE CHURCH MILITANT NOW, MORE THAN EVER, NEEDS STRONG WARRIORS.




The Catholic Church doesn’t need progressives, Nor does it need Reactionary Conservatives - It badly needs Catholic Traditionalists that practice faith, hope and charity. So don’t be shy! Come forward.

“When Christ at a symbolic moment was establishing His great society, He chose for its corner-stone neither the brilliant Paul nor the mystic John, but a shuffler, a snob, a coward - in a word, a man. And upon this rock He has built His Church, and the gates of Hell have not prevailed and will not prevail against it. All the empires and the kingdoms have failed because of this inherent and continual weakness, that they were founded by strong men and upon strong men. But this one thing - the historic Catholic Church - was founded upon a weak man, and for that reason it is indestructible. For no chain is stronger than its weakest link.”
(G.K. Chesterton)



Anno Sacerdotale

Pope Benedict XVI has declared a “Year for Priests” beginning with the Solemnity of the Sacred Heart of Jesus on June 19, 2009. The year will conclude in Rome with an international gathering of priests with the Holy Father on June 19, 2010.
******

Quest'anno sia anche un'occasione per un periodo di intenso approfondimento dell'identità sacerdotale, della teologia del sacerdozio cattolico e del senso straordinario della vocazione e della missione dei sacerdoti nella Chiesa e nella società.
******

Let your light so shine before men that, seeing your good works, they may glorify your Father in Heaven. (Matthew 5:16)
******

In Domino laudabitur anima mea.





"That sense of the sacred dogmas is to be faithfully kept which Holy Mother Church has once declared, and is not to be departed from under the specious pretext of a more profound understanding."- Pope Leo XIII, Testem Benevolentiae

Nessuno di noi entrerà in Paradiso senza portare con sé un fratello o una sorella. Ciascuno di noi deve uscire dalla folla e reggersi sulle proprie gambe, fiero di essere un Cattolico e capace di testimoniare la sua Fede.
Ci stiamo comportando come se la Fede Cattolica fosse un affare privato. Questo non è affatto vero. Penso che potremo andare molto, molto lontano, se riusciremo a convincere tutti i Cattolici a farsi carico della salvezza del mondo intero.
Il mondo ha bisogno di essere salvato e deve essere ciascuno di noi a farlo.




Cantate …


Cantate Domino canticum novum. Cantate Domino omnis terra. Cantate Domino et benedicite nomini Ejus. Annuntiate de die in diem salutare Ejus.

Causa nostrae laetitiae




“We can believe what we choose. We are answerable for what we choose to believe”.
(John Henry Newman)



Pueris manus imponit

Iesus vero ait eis - Sinite parvulos, et nolite eos prohibere ad me venire - talium est enim regnum caelorum.




“There is another essential aspect of Christianity: the interior, the silent, the contemplative, in which hidden wisdom is more important than practical organizational science, and in which love replaces the will to get visible results”.
(Thomas Merton)



Lo Spirito Santo


Uno dei Suoi nomi è "Consolatore"!




Confession

Confession heals, confession justifies, confession grants pardon of sin. All hope consists in confession. In confession there is a chance for mercy. Believe it firmly. Do not doubt, do not hesitate, never despair of the mercy of God. Hope and have confidence in confession.




“Almeno sei volte durante gli ultimi anni mi sono trovato nella situazione di convertirmi senza esitazione al cattolicesimo, se non mi avesse trattenuto dal compiere il gesto azzardato l'averlo già fatto”.
(G.K. Chesterton)



"Whatsoever I have or hold, You have given me; I give it all back to You and surrender it wholly to be governed by your will. Give me only your love and your grace, and I am rich enough and ask for nothing more."

(St. Ignatius of Loyola - Spiritual Exercises, #234)



"Mia madre è stata veramente una martire; non a tutti Gesù concede di percorrere una strada così facile, per arrivare ai suoi grandi doni, come ha concesso a mio fratello e a me, dandoci una madre che si uccise con la fatica e le preoccupazioni per assicurarsi che noi crescessimo nella fede".
J.R.R. Tolkien scrisse queste parole nove anni dopo la morte di sua madre.






Be on your guard; stand firm in the faith; be men of courage; be strong. (1 Corinthians 16:13)




“Beati sarete voi quando vi oltraggeranno e perseguiteranno, e falsamente diranno di voi ogni male per cagion mia. Rallegratevi ed esultate perché grande è la vostra ricompensa nei cieli”.