Un’autorità divina

O per via della ormai datata Riforma protestante, o a causa del ’68, o frutto di errate interpretazioni del Concilio Vaticano II, fatto sta che nel mondo cattolico è dilagante un fenomeno preoccupante: la “fede fai da te”. Ove per “fede fai da te” si intende quella tendenza a prendere dal “pacchetto integrale della fede” solo ciò che a ciascuno piace e a rigettare tutto ciò che invece proprio non va giù. Popes 1Per esempio, se uno è favorevole all’aborto, ma si dice cattolico, rifiuta la scomunica e, più in generale, la dottrina della Chiesa in tema di aborto. Oppure se uno non va a Messa la Domenica tenderà a far finta che la dottrina della Chiesa, che stabilisce che non san-tificare il giorno del Signore è peccato mortale, non esista o sia sbagliata. Ma lo stesso vale per le convinzioni interiori che prescindono da coinvolgimenti personali: se uno è favorevole all’eutanasia, anche se non ha persone care malate terminali, tende a pensare che la dottrina della Chiesa in tema di eutanasia sia sbagliata.

Ecco dunque il nucleo essenziale di questo fenomeno: il rifiuto di ciò che la Chiesa insegna, se contrario alla propria convenienza, alla propria ideologia, al proprio modo di vedere il mondo! Il fenomeno è preoccupante! Preoccupante perché ognuno dal “pacchetto integrale della fede” si prende ciò che vuole, scartando ciò che è troppo scomodo e impegnativo! Insomma: prende il suo “sacchettino” e lo riempie di ciò che, del Cattolicesimo, gli è più conveniente, più congeniale, più conforme al suo modo di essere e di pensare! Peccato che questo snaturi completamente l’architettura teologica, dottrinale di fondo del Cattolicesimo. Popes 2Infatti la Chiesa non è un partito politico, dal quale potersi distanziare ogni qualvolta esprime posizioni non conformi al proprio pensiero! E’ lecito dissentire da un partito politico perché è una realtà umana, la Chiesa no! Essa è sì fatta di uomini, ma uomini guidati dallo Spirito Santo.

Ricordiamoci le parole di Gesù a Pietro:  “tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevar-ranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”. Le stesse parole che si rivolgono ad ogni successore di Pietro, ad ogni Papa!  “Tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”. Ecco allora che qui si fonda il potere e l’infallibilità teologica del Papa, della quale non è lecito dubitare! Ecco allora che occorre guardare a “chi” dice cosa e non al “cosa” dice. Non si può avere in quest’ambito una visione oggettiva (che di volta in volta guarda a “cosa” è stato detto), occorre avere una visione soggettiva – che riconosce che, a prescindere da cosa è stato detto, a prescindere dalla conformità di ciò al pensiero del singolo, se è il Papa a dirlo ex cathedra è verità. E anche ammesso che sia lecito dissentire non è mai lecito disubbidire al Papa!

L’autorità che il Papa ha è di derivazione divina, non umana! Ed è per questa ragione che l’unica forma di Cattolicesimo possibile è il Cattolicesimo ‘Tradizionale’!

Popes 3

Ammettere infatti che il Papa può sbagliare, ammettere che la Chiesa in comunione con lui può sbagliare, significa ammettere che sono istituzioni umane. E non lo sono! Ecco la pericolosità enorme del “cattolicesimo fai da te”! Se dalla Chiesa si può dissentire come da un partito politico, allora la Chiesa non è più di un partito politico! Allora la Chiesa è un’istituzione umana e non divina! Allora anche Gesù (che ha dato quell’autorità alla sua Chiesa) è fallace!

Questo purtroppo è il logico corollario del “cattolicesimo fai da te”. Ecco allora che noi tutti, Cattolici ‘Tradizionali’, dobbiamo impegnarci a combattere contro questo “cattolicesimo fai da te” perché predomina sulla Chiesa e il Sommo Pontefice! E distrugge l’essenza del messaggio cristiano! Solo da una riscoperta dell’obbedienza al Romano Pontefice e alla Santa Chiesa in comunione con lui può rinascere una vera civiltà cattolica, docile e obbediente, tramite la Chiesa, al suo Divino Creatore.   

34 Responses to “Un’autorità divina”


  1. 1 Parunzein October 5, 2009 at 00:20

    E’ vero, Gabriella.

    Come una pubblicità di qualche anno addietro ironizzava sui turisti fai da te che finivano inevitabilmente nei guai, così il papa descrive quei credenti che per la loro visione del mondo scelgono di vagliare autonomamente quanto ospitare, o non ospitare, nella mente.

    La critica papale diviene a sua volta ironica col dire che tale discernimento autonomo lo si presenta come coraggio di esprimersi contro il Magistero della Chiesa, mentre in realtà non ci vuole per questo del coraggio, perché si può sempre essere sicuri del pubblico applauso.

    Qual’è invece per il papa il modo giusto di vivere una fede adulta? Lo si ricava facilmente volgendo al contrario le sue critiche: non scegliere autonomamente quanto ospitare nella propria mente, ma ascoltare la Chiesa e i suoi Pastori, laddove il verbo ascoltare va inteso nel senso forte di obbedire.

  2. 2 Mara October 5, 2009 at 00:40

    Infatti io conosco ad esempio cattolici evoluzionisti, altri che credono alla reincarnazione, altri newagers fanno un miscuglio tra Gesù, angeli, telescrittura, religioni orientali ecc. Molti cattolici non hanno mai letto la Bibbia e quando ne fai riferimento dicono che ormai è un libro superato pur non riuscendo ad ammettere che non è stato ispirato da Dio.
    Senza contare quelli che che praticano rapporti sessuali prematrimoniali o con persone dello stesso sesso e molti non credono all’inferno.
    Tutti dicono che sono cattolici °_°

    Penso che come hai scritto in un post tempo fa, l’emergenza è l’educazione, l’insegnamento della dottrina.

    Buonanotte a tutti!

  3. 3 Spartacus October 5, 2009 at 09:03

    Avete notato che la chiesa ha sempre meno creduloni? Come si fa a credere che degli uomini (anche assassini – vedi la storia) sono infallibili? Ma che scherziamo? Siete proprio ridicoli, Gabriella in testa!
    Odio i lecchini.

  4. 4 david pierini October 5, 2009 at 09:28

    recita il del catechismo della chiesa cattolica…

    677 La Chiesa non entrerà nella gloria del Regno che attraverso quest’ultima pasqua, nella quale seguirà il suo Signore nella sua morte e risurrezione. 642 Il Regno non si compirà dunque attraverso un trionfo storico della Chiesa 643 secondo un progresso ascendente, ma attraverso una vittoria di Dio sullo scatenarsi ultimo del male

    la chiesa dunque è destinata a morire…questa morte è una morte lenta in cui…o lasciamo appassire tutte le nostre convinzioni e ci lasciamo crocifiggere dalla verità per seguire Gesù nella sua morte e risurrezione…oppure ci arrocchiamo sulle posizioni integraliste di questo post…e finiamo nell’impostura religiosa annunciata da san Paolo per i giorni della fine.

  5. 5 david pierini October 5, 2009 at 09:57

    L’eucaristia io credo sia la forma più bassa di spiritualità cristiana…una spiritualità terrena in cui il fedele ha bisogno di sentire viva e concreta la presenza di Dio. Invece noi siamo chiamati ad amare Dio in “spirito e verità”…a credere senza vedere…a sentire senza toccare…ad andare oltre questa concupiscenza della carne.
    Chi è stato escluso dalla comunione dei credenti si consoli e sappia che Dio lo chiama ad una maggiore intimità con Sè.
    Per avere Dio nel cuore e godere della pienezza del suo amore… basta alzare gli occhi al cielo.

    • 6 Cinzia October 5, 2009 at 11:47

      Ciao David … forse dimentichi che Gesu’ stesso ha istituito l’Eucarestia durante l’ultima cena. Gesu’ ci dice: Questo e’ il mio corpo offerto in sacrificio per voi … fate questo in memoria di me …”

      e poi ci dice: “Chi mangia di questa carne e beve di questo sangue non morira’ ma avra’ la vita eterna…” e “Io sono la Via, la Verita’ e la Vita. Nessuno arriva al Padre se non tramite me.”

      Gesu’ non disse mai: “basta alzare gli occhi al cielo.”

      Questa tua opinione che l’Eucarestia e’ la forma piu’ bassa di spiritualita’ cristiana da dove salta fuori? se posso chiedere.

      Spartacus: scusa ma non hai capito – non sono gli uomini per se infallibili. Essendo uomini, sbagliano anche loro, peccano, e magari qualcuno e’ diventato anche assassino. San Pietro (il primo papa) anche lui e’ caduto quando ha tradito nostro Signore durante la passione. Questo non e’ altro che il volto umano di tutti – e anche i papi sono esseri umani. Cio’ che rende la chiesa infallibile nei suoi insegnamenti e’ lo Spirito Santo. Quando poi alcuni papi hanno sbagliato e la chiesa rischiava di grosso, ci sono stati i grandi santi e dottori della Chiesa a rimettere le cose a posto … vedi, lo Spirito Santo e’ sempre presente … anche nei momenti bui. 🙂

      In quanto ai meno “creduloni” – meno male! Per quanto riguarda invece i CREDENTI … forse saranno in diminuzione nel mondo occidentale per via di tanta arroganza e tanti altri peccati perche’ ciascuno vuole fare i propri “porci comodi.” Se vedi le statistiche invece dei paesi del terzo mondo, la fede Cristiana e’ in aumento. E comunque, i credenti sono tanti – solo che tu non ne conosci. Lo sapevi che centinaia di martiri muoiono ogni giorno a cause della loro fede e del loro amore per Gesu’ Cristo? Leggi un po’ le storie odierne dei paesi come la Somalia e il Vietnam, per esempio.

      E poi, che cosa c’entrano i “lecchini” in tutto questo?

      Un’ ultima cosa, il mio Italiano non e’ perfetto, ma credo di essermi spiegata abbastanza.🙂

  6. 7 Andrea October 5, 2009 at 11:19

    Però se un Papa dichiara guerra a qualche altra civiltà,come è accaduto in passato o a non fare nulla per fermare genocidi etnici,quando si aveva il potere materiale per farlo, sono il primo a disobbedire come i soldati israeliani incarcerati. Se l’altro giorno,ho detto,parlando con qualche muulmano,che maometto partecipò allo sgozzamento di ebrei(e loro non ci credevano,ma è vero,come dice maghdi allam),non posso adesso ederire a ciò che mi porta a considerare di portare la fede con la spada,ma devo essere coerente. Se no,che senso ha? Al mondo di oggi,grazie a Dio,siamo istruiti,e certa parte clericale o intellettuale,non può più approfittarne come faceva nel medioevo,dove i soliti lupi approfittavano della povera gente. Oppure,leggevano il vangelo in latino e solo loro lo capivano. Alla gente non era dato conoscere la Parola di Dio,perchè non esistevano ancora Bibbie nella lingua del popolo. Non posso pensarla come chi condannava ai roghi o a chi diceva “quando il soldo nella cassa salta,l’anima via dal purgatorio in paradiso balza”. Queste sono cose altamente anticristiche. Ma Dio,nella Sua onnipotenza riesce sempre a trarre il Bene anche dal male. Il concilio vaticano II,come dice enzo bianchi,non è che sia una cosa negativa in sè,ma è stato interpretato non bene,o il più delle volte,anche male o malissimo. E forse non poche volte lo si è voluto interpretare male per qualche motivo massonico da parte dei soliti squallidi lupi.

  7. 8 Andrea October 5, 2009 at 11:27

    Spartacus,
    non avevo ancora letto il tuo commento. Innanzitutto diciamo che ti sbagli,perchè non hai capito bene o niente. Due,non è che tu ti possa salvare con le critiche o giustificare il tuo ateismo o teismo fai da te,prendendo come “solita” giustificazione i mali di una parte di chiesa,cercando un avvallo personale per la tua mal condotta di vita e di pensiero. Con me queste cose non funzionano. Viva Ratzinger! Lecchini? Se il termine lecchino significa essere come gabriella,allorra siamo tutti lecchini,anzi,io il primo.

  8. 9 Andrea October 5, 2009 at 11:34

    E poi,caro spartacus,la chiesa non è che abbia meno creduloni. Quanto più si concentra la Verità,tanto più molti se ne vanno via,perchè la Verità è dura,parlando con parole “terra terra”. Molti sono invitati ma pochi gli eletti. “Forse volete andarvene anche voi”? dice il Cristo,oppure “questo discorso vi scandalizza”?. Prima di commentare e di offendere la gente,cosa tra l’altro punibile per legge,ti invito ad aprire la mente al vero discernimento delle cose.

  9. 10 Andrea October 5, 2009 at 12:18

    Invece,
    Caro David,
    l’eucarestia,è proprio la parte più alta della spiritualità cristiana. Perchè il messaggio eucaristico,”il messaggio che è la PERSONA STESSA di Cristo sacrificato”,è appunto un messaggio di sacrificio e di Amore “l’amore più grande”. E non è un messaggio di parole,ma di Parola,”di persona”. Il cristiano che aderisce seriamente all’eucarestia si santifica in Cristo Gesù,nella imitazione del Signore. I santi lo hanno dimostrato. E logico che chi vi partecipa indifferentemente,senza mettere in pratica o ciecamente,è come se non guardasse Cristo per ciò che è e per ciò che ci ha comandato di fare. In maniera impropria,caro David,ci hai fatto soffermare proprio sulla parte più alta della spiritualità cristiana,il culmine della vita di Gesù sulla terra,prima del compimento dell’opera di salvezza con la Sua morte in croce.

    cordialità.

  10. 11 Cinzia October 5, 2009 at 12:24

    Phew !!!!

    Meno male che c’e’ Andrea a spiegare le cose cosi’ bene – perche’ io faccio una faticaccia enorme🙂

    GRAZIE ANDREA !!!!! 🙂 🙂 🙂

  11. 12 Lavinia October 5, 2009 at 12:34

    Spartacus e Pierini, senza meno tutti e due non siete Cattolici nè conoscete la nostra religione. O ci si informa, o si tace.

    Hanno detto bene Cinzia e Andrea.
    La Chiesa di Cristo e Una, Santa e Cattolica e se è piena di peccatori, ben vengano. Anche Gesù cercava i peccatori. Ma in tutti e duemila gli anni nessuno ha mai aggiunto una legge o cambiato un dogma della Chiesa. Mai. Perchè la Chiesa è guidata dallo Spirito Santo e Gesù ci ha promesso sarò con voi fino alla fine del mondo. Si è vero, ci sono stati tanti papi non ‘buoni’ ma mai uno di loro ha emesso una legge che faceva comodo a lui e non era un insegnamento di Cristo (come fanno tanti governanti!) – tutte le encicliche, i scritti patristici, i documenti ecumenici, ecc., sono alla portata di tutti – non uno può essere condannato!
    E la Chiesa, corpo mistico di Cristo, anche se un giorno verrà ridotta ad un piccolo gruppo di fedeli – rimarrà ed è sempre la Chiesa Una Santa e Cattolica che non morirà mai – ce lo ha promesso Gesù stesso.
    Si è vero, ci sono anche tanti preti non ‘buoni’ ma volete per favore documentarvi sui tanti tanti martiri, sui santi, sui Cattolici, milioni, che curano i malati, sui Cattolici, milioni, che insegnano ai poveri, ma volete documentarvi? Questi sono molto ma molto di più dei pochi disgraziati che sempre e comunque tirate in ballo!

    Pierini, la devozione all’Eucarestia è la più nobile perchè ha per oggetto Dio – è la più salutare perchè ci dà l’Autore della grazia – è la più soave perchè soave è il Signore.
    La devozione all’Eucarestia, insieme alla devozione alla Madonna, è una devozione di Paradiso, perchè è la devozione che hanno anche gli Angeli e i Santi del Cielo.
    “Figurando una accademia in Paradiso” diceva Santa Gemma Galgani estatica “si deve imparare ad amare soltanto. La scuola è nel Cenacolo, il maestro è Gesù, le dottrine sono la sua Carne e il suo Sangue”.
    L’Eucarestia è Gesù Amore.

    Spartacus, come Gabriella ti ha rispettato lasciando il tuo commento, tu dovresti imparare a rispettare gli altri.

  12. 13 Federico Sangallo October 5, 2009 at 13:05

    Cos’è l’Eucarestia?
    E’ Dio fra noi. E’ il Signore Gesù presente nei Tabernacoli delle nostre chiese con il suo Corpo, Sangue, Anima e Divinità.
    E’ Gesù velato dalle apparenze del pane, ma realmente, fisicamente presente nelle ostie consacrate per dimorare in mezzo a noi, operare in noi, per noi, a nostra disposizione. Gesù Eucaristico è il vero ‘Emanuele’, ossia ‘Dio con noi’ (Mt. 1,23).
    ‘La fede della Chiesa’ ci insegna San Pio XII ‘è questa: che uno e identico è il Verbo di Dio e il Figlio di Maria, che soffrì sulla Croce, che è presente nell’Eucaristia, che regna nel Cielo’.
    Con l’Eucaristia Dio ci ha dato veramente tutto.
    Sant’Agostino esclama: ‘Dio essendo Onnipotente non potè dare di più – essendo sapientissimo non seppe dare di più – essendo ricchissimo non ebbe da dare di più’!

    Grazie Gabriella – ottimo post – come sempre.

  13. 14 Osteria Volante October 5, 2009 at 13:51

    In tempo di crisi il fai-da-te è diventato ancora più diffuso perchè più economico. Almeno a breve termine, perchè poi le cose scricchiolano, si rompono e maledici il giorno in cui non hai dato retta al motto “chi più spende meno spende”. Vale quando vai ad IKEA ma anche nella vita cristiana. Almeno credo

    L’oste

  14. 15 Orsobruno October 5, 2009 at 14:12

    Hai scritto cose stupende, Gabriella.
    Proprio in questi giorni, non che fosse la prima volta, consideravo l’immenso danno che compiono nella Chiesa quelli che tu chiami “cattolici fai da te”.
    E pensavo che occasione storica, epocale, da non sciupare, sarà la missione che la Santa Sede svolgerà tra qualche tempo, per ristabilire la perfetta comunione con la FSSPX. Bisogna pregare a lungo e con passione il Cuore Immacolato di Maria, perchè la posta in gioco è 1.000.000 di volte maggiore di quanto i giornali diranno. Si tratta di ricostituire in perfetta unità il cuore vivo della Chiesa, quello di chi accoglie tutte e tre le fonti della Rivelazione: Sacra Scrittura, Tradizione e Magistero della Chiesa, nel Primato di Pietro. Ovviamente con un’accoglienza integrale.
    Sarà poi Pietro, “traendo dal suo tesoro cose nuove e cose antiche”, che ci porgerà, ‘quasi modo geniti infantes’, l’Eucaristia, i 10 Comandamenti, la Vergine Santa…

    Aurelio

  15. 16 Andrea October 5, 2009 at 16:22

    L’altro giorno ponevo un quesito a gente di altra religione. Non hanno risposto. Bisognava rispondere solo si o no. Non hanno riposto senza scorciatoie,perchè il corano presenta delle contraddizioni interne,cosicchè l’interlocutore che avevo di fronte mi sembrava avesse delle potenzialità,in fatto di fede, ben più alte dello stesso maometto. Questo non è possibile con il Vangelo,perchè il Vangelo è coerente nella Persona di Cristo. Lo stesso quesito vorrei porlo ai cattolici. Un cattolicesimo che rifiuta di stampare il vangelo in lingua popolare è un cattolicesimo “fai da te”. Non ci sono scappatoie. Giovanni Paolo II ha chiesto scusa per i mali,che hanno danneggiato la Chiesa. La Chiesa non è appunto un partito politico o una elìte. Mentre da una parte la Chiesa si autodistruggeva,dall’altra,Dio operava con Francesco di Assisi. Purtroppo,oggi ci sono persone troppo legate alla Chiesa come “partito politico”,e come dei veri sostenitori di partito ,sono pronti a sacrificare la coereza evangelica,sul tavolo del formalismo ideologico. Lo stesso accade con i fascisti per il fascismo,o con i comunisti per il comunismo o con il berlusconismo per berlusconi. Gli europei hanno sbagliato a portare il vangelo con la forza nelle Americhe. I battesimi forzati sono “nulli”,così come tante altre cose. Dobbiamo fare molta attenzione,perchè l’uomo è sempre uomo.Ed in quanto uomo,riesce a prendere con “ideologia” tutte le cose,compresa la Bibbia, e ancor di più la “tradizione” ecclesiale,cosicchè se un prete dice “metti qui la moneta così l’anima del tuo parente esce dal purgatorio e va in paradiso”,tutti lo seguono e lo fanno,e se la pena per chi traduce la Bibbia è una scomunica o il rogo,tutto il popolo grida “al rogo al rogo al rogo” come gli ultrà allo stadio o come i giudei con Gesù. Ma come,scomunichiamo chi traduce una Bibbia e non scomunichiamo un prete pedofilo. Veramente per “Grazia di Dio”,la Chiesa oggi è cambiata,anche se la tendenza alla rovina c’è sempre,e se non fosse per Joseph Ratzinger… Non abbiamo bisogno di fedeli “tifosi” o di una Chiesa “squadra di calcio” ,ma di fedeli veramente capaci di accogliere coscienziosamente e con vera fede il messaggio cristiano nel primato di Pietro pastore del gregge in Cristo Gesù e senza chiusure ideologico-formalistiche,che generano forme di nazionalismo individuale,con danni all’interno e all’esterno della Chiesa,nel presente e nel futuro. E questo vale anche per i lefebvriani,che,d’altra parte,stimo molto. Ma guai a concezioni “tradizionalistiche” in base alle quali si pensi che solo il clero possa studiare la teologia. Per fortuna queste cose sono cambiate e oggi addirittura anche le donne possono farlo. E le facoltà teologiche sono aperte a chiunque,anche agli atei.

  16. 17 Miriam Bertoli October 5, 2009 at 17:07

    E meno male, Andrea😉

    Infatti oggi non c’è scusa – oggi si può e si deve conoscere bene la nostra tradizione e come dice il mio prof. di teologia – oggi nessun Cattolico crede a quella scemenza divulgata da chissà quale miserabile peccatore che con una moneta salvi un’anima! Oggi un vero Cattolico sa che la Chiesa, come Gesù, ha sempre condannato il peccato della pedofilia …. chi da scandalo a uno di questi piccoli …. meglio che si leghi una roccia al collo e si butti in mare! Oggi tutti abbiamo a portata di mano la dottrina e i canoni della Chiesa e conosciamo bene cosa la Chiesa ha sempre insegnato, cosa insegna e …. che le sue leggi vanno indietro fino ai dieci comandamenti! Un filo c’è che lega tutta la storia della nostra salvezza.
    Oggi non ci sono scuse!
    Ribadisco che questa chiesa viva e piena ‘di fedeli veramente capaci di accogliere coscienziosamente e con vera fede il messaggio cristiano nel primato di Pietro pastore del gregge in Cristo Gesù e senza chiusure ideologiche’ (come dici tu) io l’ho trovata, oggi, tra i ‘tradizionalisti’ praticanti in communione con il Papa.
    Io uso la parola ‘tradizionalisti’ come fa Gabriella: in riferimento al Cattolicesimo di sempre, di ieri e di oggi, di tutti i nostri santi (cioè NON quello progressista) e per distinguere il Cattolico praticante da quello penso che voi in Italia (mi trovo in Canada) chiamate Cattocomunismo o Cattolico “adulto”.
    Per quanto riguarda i lefebvriani (anch’io li ammiro molto), dobbiamo solo pregare per loro e per il nostro Papa che ha indetto una riunione con loro per riametterli nel gregge. In effetti, dobbiamo con umiltà confessare che la Chiesa ha molto bisogno di fedeli come loro.

    Con simpatia, Andrea, ti leggo sempre molto volentieri.

  17. 18 david pierini October 5, 2009 at 20:34

    Gesù che era più lungimirante di voi che non volete vedere…
    sapendo che la presenza di Dio negli ultimi giorni sarebbe cessata nella chiesa a causa della nostra infedeltà ci ha detto…”quando vedrete accadere queste cose alzate gli occhi al cielo perché la vostra liberazione è vicina”…
    non ha detto di andare a messa e fare la comunione…ma ha insegnato ai superstiti quale sia l’unica maniera sicura di avere e sentire Dio…
    io sono cattolico perché la chiesa cattolica possiede la pienezza della verità…ma prima di amare la chiesa amo la verità…Gesù non ha detto… io sono la chiesa… ma… “io sono la verità”…quella verità che oggi giace sepolta sotto un cumulo di retorica…quella verità che vi consiglio di cercare vergini addormentate dalla fanfara del vaticano.

  18. 19 Andrea October 5, 2009 at 21:21

    …di nuovo qui. Ma infatti david,la stessa Chiesa dice che la Chiesa non è il Vaticano. Lo disse monsignor Fisichella in tv se non sbaglio. E’ una cosa logica insomma. Allo stesso modo,solo perchè un cardinale dice una cosa,subito si pensa che corrisponda al pensiero del Papa o di tutta la Chiesa,come più volte ripete Fedrico Lombardi,direttore della sala stampa della Santa Sede. La Chiesa non è il Vaticano.

    Al di là di tutte queste cose,poco fa ho letto provvidenzialmente una cosa molto bella del beato Alberto Marvelli. Con questo scritto saluto tutti Cinzia,Lavinia,Miriam,David ecc… ecc…

    Ecco: “Sono pronto a rinunciare a qualsiasi sogno o affetto per essere tutto di Dio”. E ancora: “Essere ostia! Signore, prendi questo povero grano. È tuo. Che io sia triturato per te e che il fuoco dell’Amore faccia di me un pane senza macchia. Essere ostia! Un’ostia è un umile pezzetto di pane che cessa, nella consacrazione di essere pane. Signore, voglio ormai smettere di vivere una vita di vanità, di cupidigia, di sensualità. Non voglio essere più io che vivo, ma divenire te. Io, la tua ostia viva!”.

    Se volete saperne di più ecco questo link:

    http://www.newsrimini.it/news/2009/ottobre/05/rimini/a_sant_agostino__messa_per_il_beato_marvelli._la_lettera_del_vescovo.html

    Di nuovo un saluto a tutti

  19. 20 Pierluigi, Milano October 5, 2009 at 21:40

    Grazie Andrea. Bello il testo del Marvelli!

    Caro Pierini, ci sono tantissimi libri su il “mistero del rapporto tra Cristo e la Chiesa”.

    Fra Cristo e la Chiesa non c’è alcuna contrapposizione: sono inseparabili, nonostante i peccati degli uomini che compongono la Chiesa – per questo è del tutto inconciliabile con l’intenzione di Cristo lo slogan moderno: “Gesù sì, Chiesa no”.
    La Chiesa cominciò a costituirsi quando alcuni pescatori di Galilea incontrarono Gesù, si lasciarono conquistare dal suo sguardo, dalla sua voce, dal suo invito caldo e forte: “Seguitemi, vi farò pescatori di uomini!”.

    Questo Gesù individualistico che tu presenti è un Gesù di fantasia. Non possiamo avere Gesù senza la realtà che Egli ha creato e nella quale si comunica. Tra il Figlio di Dio fatto carne e la sua Chiesa c’è una profonda, inscindibile e misteriosa continuità, in forza della quale Cristo è presente oggi nel suo popolo. Per questo motivo Gesù è sempre contemporaneo a noi, è sempre contemporaneo nella Chiesa costruita sul fondamento degli Apostoli, è vivo nella successione degli Apostoli. E questa sua presenza nella comunità, nella quale Egli stesso si dà sempre a noi, è motivo della nostra gioia. Sì, Cristo è con noi e sarà con noi fino alla fine dei tempi.
    Come disse San Cipriano: PUÒ AVERE DIO PER PADRE CHI NON HA LA CHIESA PER MADRE?

    A fianco di Maria Vergine un’altra madre ci protende le braccia, la Chiesa.
    Alessandro Manzoni la canta con queste parole: “MADRE DEI SANTI, / IMMAGINE DELLA CITTÀ SUPERNA, / DEL SANGUE INCORRUTTIBILE / CONSERVATRICE ETERNA”.
    LA BIBBIA ce la presenta talmente grande e piena di luce e ricca di tanti tesori spirituali da non poterla definire con un sol termine e perciò la descrive con tante figure – ne riporto qualcuna: È L’ “OVILE” LA CUI PORTA È CRISTO; È IL “CAMPO DI DIO”; È L’ “EDIFICIO” DI DIO; È LA “SPOSA” DI CRISTO; È IL SUO “CORPO MISTICO”; È IL “POPOLO DI DIO”.
    Ascoltiamo lo Spirito, caro Pierini, il Quale, per mezzo di S. Paolo, ripetutamente grida “CRISTO È IL CAPO, LA CHIESA È IL SUO CORPO”.

  20. 21 david pierini October 6, 2009 at 06:14

    caro Pierluigi tutto ciò che dici è giusto ma tutto ciò che dici cessa di valere “nel giorno del Signore”…l’ultima epoca della storia. Se non gettiamo lo sguardo nell’apocalisse facciamo la fine degli ebrei che ancora aspettano il messia…il tempo passa, le profezie si compiono.
    A mio avviso questa profezia si è già compiuta…”in quei giorni il sole si oscurerà la luna perderà la sua luce gli astri cadranno dal cielo”… che significa…”in quei giorni Dio toglierà la sua grazia da questo mondo, di conseguenza la chiesa perderà il suo riferimento e i testimoni della verità non avranno più la capacità di essere sale della terra”.
    Queste cose si vedono ma solo alla luce della fede e con gli occhi dello spirito.
    Sul rapporto inscindibile fra Cristo e la chiesa sono d’accordo…solo che la chiesa io credo siano coloro che camminano nella verità…ed oggi sono qualche isola qua e la…

  21. 22 david pierini October 6, 2009 at 06:29

    PER CINZIA
    Questa tua opinione che l’Eucarestia e’ la forma piu’ bassa di spiritualita’ cristiana da dove salta fuori? se posso chiedere.

    cara Cinzia per spiegarmi meglio ricorro ad un esempio terra terra…è come se una sposa godesse dell’amore del proprio sposo solo quando lo tiene stretto sotto le lenzuola e poi durante il giorno quando lui è al lavoro non avverte più la sua presenza e si rattrista.
    Ritengo il cibo eucaristico come il latte per i bambini…poi bisogna crescere…nutrirsi di cibo più solido per rafforzare la nostra fede…Dio è puro spirito e dobbiamo imparare ad amarlo e sentirlo alla stessa maniera.

  22. 23 Cinzia October 6, 2009 at 07:25

    Sono d’accordo con te David – Gesu’ ci ha lasciato qualcosa di tangibile proprio perche’ sa che siamo umani e terra terra. Questo cibo che Gesu’ dice di mangiare per ottenere la vita eterna sicuramente aiuta a rafforzare la nostra fede in Dio che e’ puro spirito.

    Non per questo pero’ l’Eucarestia e’ la forma piu’ bassa di spiritualita’ cristiana. Perche’ mai?

    Secondo me, e’ il mistero e il dono piu’ grande e piu’ generoso che Gesu’ ci ha dato. Sapendo e credendo di mangiare la Sua carne, e di bere il Suo sangue, offerto in sacrificio per la nostra salvezza, e’ davvero la forma piu’ alta di spiritualita’ cristiana.

    La sposa che ha trascorso la notte tenendo stretto il proprio sposo, il giorno dopo sentira’ quell’amore rafforzato e raddoppiato, non credi? E aspettera’ con ansia il suo ritorno per tenerselo stretto nuovamente la sera dopo … 🙂

    Ah! se solo fosse sempre cosi’ ……😉

    Ciao!

  23. 24 david pierini October 6, 2009 at 08:52

    Cinzia…comprendi che nutrendosi di questo cibo e ponendo tutta la propria speranza di possedere Dio in questo mezzo ci si condanna ad un altalena di andirivieni che alla lunga esaspera.
    Per possedere Dio stabilmente basta alzare gli occhi al cielo e tenendo lo sguardo fisso sul proprio peccato lasciarsi invadere.
    A questa meta Dio tutti ci conduce…è l’orto degli ulivi di tutti noi fedeli…dobbiamo imparare ad avere Dio nel cuore al solo pensiero… che il nostro cuore sia il suo cielo.

  24. 25 Cinzia October 6, 2009 at 10:22

    Caro David …. perche’ fai le cose cosi’ complicate? Io, per esempio, non mi sento esasperata, ne tanto meno condannata ad un’altalena di andirivieni …

    Vedo che hai una grande fede, e cio’ e’ stupendo. Peccato che la nostra stessa fede e il nostro amore per il Padre Eterno non ci possa unire, invece di allontanarci …. 😦

    Ciao!

  25. 26 Stelvio October 6, 2009 at 10:35

    Forse noi pensiamo tanto poco alla sublimità di ogni Santa Comunione.
    Eppure, San PioX diceva che “se gli Angeli potessero invidiare, ci invidierebbero la Santa Comunione” e Santa Maddalena Sofia Barat definiva la Santa Comunione “Il Paradiso sopra la terra”.
    TUTTI i santi hanno compreso la divina meraviglia dell’incontro e dell’unione con Gesù Eucaristico, per essere posseduti da Lui e possederLo: “Chi mangia la mia Carne e beve il mio Sangue rimane in Me e io in lui” (Gv 6,56) “E’ notte – scriveva una volta santa Gemma – mi avvicino a domattina: Gesù possederà me e io possederò Gesù” Non è possibile unione d’amore più profonda e totale: Lui in me e io in Lui: l’uno nell’altro! Che si può voler di più?

    David, ciò non toglie che dobbiamo stare sempre all’erta per la seconda venuta di Cristo.

  26. 27 Tullio October 6, 2009 at 10:55

    david, intendi probabilmente che alla fine dei tempi visto che non ci sarà più chiesa, i preti saranno nascosti, i cristiani perseguitati, ecc. che allora non fa niente se non ci accostiamo alla comunione perchè sarà impossibile?
    In questo caso i pochi seguaci di Gesù saranno la Chiesa e se non ci sarà l’ostia consacrata (anche per evitare sacrilegi) sarà sempre valida la comunione di desiderio e poi ….. arriverà Cristo di persona!
    Un grande esempio sono i cristiani nei lager nazisti e in quelli comunisti – non avevano l’ostia consacrata ma avevano Gesù nel cuore per grande desiderio – che grandi Santi e che grandi martiri che ha la nostra Chiesa! (Padre Kolbe è un esempio).
    Fino a quando non sarà impossible, david, accostiamoci sempre all’Eucaristia ….. ricordati, è la cosa che Satana e i suoi demoni odiano di più, con un odio tremendo (leggi i scritti degli esorcisti) e questo di per se è un grande segno di quanto sia importante, indispensabile e necessaria.

    Santa Maria Immacolata aiutaci e prega per noi e facci avere la forza di resistere a un mondo che odia il suo Creatore.

  27. 28 Cinzia October 6, 2009 at 11:55

    Che belle parole Tullio!!!

  28. 29 david pierini October 6, 2009 at 12:30

    Tullio hai centrato perfettamente il problema…siamo d’accordo in tutto solo che io credo che siano questi i giorni della fine in cui Dio è stato annientato dalla nostra infedeltà e costretto a lasciare la sua chiesa…come un tempo lo fu per la sua sinagoga.
    Nell’ostia Dio non c’è più…il profeta Daniele l’aveva annunciato…”sarà abolito il sacrificio quotidiano”…non dall’uomo ma da Dio perché se ne accorgano solo coloro che vedono con gli occhi dello spirito.
    Il mio grido vuole svegliare le vergini addormentate nelle loro sicurezze…chi si sente al sicuro nella barca della chiesa…quella barca che Ratzinger definì prima del suo voltafaccia…”una barca piena di sporcizia sul punto di affondare”…chi si sente al sicuro io temo che sia spiritualmente morto.

  29. 30 david pierini October 6, 2009 at 13:29

    meditate su questo passo di san Paolo riferito ai giorni della fine…

    per questo Dio invia loro una potenza d’inganno perché essi credano alla menzogna e così siano condannati tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma hanno acconsentito all’iniquità.

    io credo che questo brano sia destinatoin a noi cattolici che siamo i depositari della pienezza della verità…
    Dio inganna chi vuole essere ingannato…se voi volete credere che vada tutto bene allora Dio fa sorgere qualche falso cristo o madonna che avvalora le vostre tesi…fa dire agli spiriti maligni cose che gli esorcisti prendono per oro colato non tenendo conto che chi parla loro è il padre della menzogna…la madonna di medjugorie è un falso cristo, come pure il Gesù di suor Faustina e tutti gli altri eventi soprannaturali in cui si annuncia un tempo di pace e d’amore…

  30. 31 Brian October 6, 2009 at 19:42

    Gabriella —

    Nella mia vita, a volte mi può interrogare un insegnamento della Chiesa. Questo io penso solo a me stesso a causa della mia natura decaduta. Naturalmente so che il magistero è guidato dallo Spirito Santo. Così – posso inviare la mia mente agli insegnamenti della Chiesa. Gesù ha promesso – ho fiducia.

    Dio vi benedica!

  31. 32 incompiutezza October 14, 2009 at 15:45

    “Tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”.
    Giustamente.
    Questo dice Gesù all’Apostolo Pietro,
    all’apostolo.
    Non risulta che Gesù si stia rivolgendo a Pietro in quanto Papa,
    ma esclusivamente in quanto Apostolo,
    e nella Chiesa originaria è questo il senso.

    L’evoluzione della comprensione non risulta minimamente neegli Atti degli Apostoli, nè nelle lettere Apostoliche, quanto piuttosto in epoca successiva,
    che vogliamo intendere,
    “ispirazione del Santo Spirito”.

    Ma questo argomento,
    non è chiuso allo studio nella materia teologica in ecclesiologia,
    e mi spiace che lei lo pensi.

    La Trinità Santissima è al centro della mia fede,
    che continua ad estendersi attraverso l’umanità,
    della Chiesa Corpo mistico di Cristo.

    Che il Papa si ritenesse gestore dell’intero orbe, tanto da doverne fare una bolla per concedere ai Reali Spagnoli la fruizione e sfruttamento totale delle nuove terre scoperte (in seguito: Americhe),
    non mi si può vendere come verità di fede.

    Il Santissimo Padre, umanamente ha fatto nella storia una marea di errori,
    vieppiù perchè riteneva che tutte le sue decisioni fossero di origine divina.
    Eventualmente,
    dati alla mano,
    le posso fornire tutto un elenco,
    ma che sono certo che lei potrà trovare in un qualsiasi libro di Storia della Chiesa fornito di “imprimatur”.

    Ovviamente
    sono sempre pronto alla esclamazione di fondo,
    gli errori sono umani…..
    il resto è divino…

    La inegualgliabile grandezza del Corpo della Chiesa dipende solo dalla morte e resurrezione di Gesù,
    non dagli uomini, taluni in gamba, eletti al papato, ma che rimangono sempre vescovi e prima di tutto uomini, e per il futuro…. rimane Maria di Magdala per le donne…. 🙂

  32. 33 pietro November 7, 2009 at 10:47

    A quanto pare non hai mai letto la Bibbia? Gesù è il Signore e nessuna autorità è data all’uomo se dio non lo approva!!! Legge Filippesi 2 e vedrai ( se hai gli occhi dello spirito) l’autorità di Dio nella tua vita.
    Gesù è la Parola, e dalla Sua bocca che noi abbiamo redenzione, risurrezione e una speranza eterna

  33. 34 Ludo November 7, 2009 at 12:54

    Ma Pietro, la Sua Chiesa siamo noi – tutti peccatori (anche il Papa), prediletti da Gesù🙂
    Si deve, e come si deve, seguire la Chiesa e la Sua dottrina che come sappiamo, studiando la storia, nonostante i grandi peccatori, non ha MAI insegnato cose sbagliate o contro le scritture o la tradizione – grazie allo Spirito Santo (e poi la Chiesa è anche piena di grandi santi).
    Se noi non accettiamo il Papa e tutti i successori di pietro (come hanno sempre accettato anche i padri della Chiesa e i primi Cristiani) e ci basiamo solo sui vangeli, pensa che confusione! guarda solo le mille sette protestanti..
    Ognuno trae il significato che vuole dalle parole di Cristo😦

    Solo il fatto che questa grande istituzione, corpo mistico di Gesù, è ancora viva da più di 2000 anni è, per me, la sola prova che NON è un’istituzione umana. Tutte le istituzioni umane prima o poi sono morte! 😉


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Traduci / Translate

My Patron Saint

Archangel Gabriel

God's Messenger



Another beautiful day! Praise the Lord.

October 2009
M T W T F S S
« Sep   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

THE LATIN MASS


The most beautiful thing this side of heaven!




FALANGI, TRUPPE, DIVISIONI CORAZZATE. ECCO CHE AVANZA IL NUOVO CATTOLICO: INNAMORATO DI GESU', INTRANSIGENTE, MOVIMENTISTA, IL CROCIATO DEI VALORI, IL SOLDATO DI CRISTO, UN CUORE TRADIZIONALISTA, AMANTE DELLA MESSA DI TUTTI I TEMPI ...



e-campagna: Io sto con il Papa

IL CANTO DEL PARADISO


Dopo due millenni di studi, di ricerche e di esplorazioni scientifiche, la genesi del canto gregoriano resta un mistero irrisolto


RELIGIOUS LIBERTY MIGHT BE SUPPOSED TO MEAN THAT EVERYBODY IS FREE TO DISCUSS RELIGION. IN PRACTICE IT MEANS THAT HARDLY ANYBODY IS ALLOWED TO MENTION IT.



PRAY THE ROSARY


The story of our salvation!







Blog Stats

  • 142,405 hits

Clipart

Recent Comments

Lost Bear on O Causa Nostrae Laetitiae
Margaret Rose Bradle… on O Causa Nostrae Laetitiae
Deana Dodds on O Causa Nostrae Laetitiae
Margaret Rose Bradle… on O Causa Nostrae Laetitiae
Judith Golden on O Causa Nostrae Laetitiae

Visitor locations – first year

Visitor locations – current year



IN HOC SIGNO VINCES




INDIFFERENTISM is a mortal sin; a condemned heresy. That's the Catholic view of the matter. INDIFFERENTISM paves the way to MORAL RELATIVISM. I have been accused of the opposite of ‘Indifferentism’, which is defined as ‘Rigorism’, and the charge is not without some merit. I believe in a rigorous following of Church doctrine and in strict accuracy in proper Catholic catechesis, and I openly attack watered-down Catholic doctrine and catechesis whenever and wherever I encounter it. Many friends scold me saying that for me it’s either my way or the highway. But here’s the thing … it’s not my way; I didn’t make up all (or any of) the rules of Catholicism. I’ve been told “you’re too rigid in your doctrine,” as if it were my doctrine. When it comes to Catholic catechesis, there is only one Church teaching, and it is represented in the Catechism of the Catholic Church. I’m prepared to defend any item in it, against any opponent. I draw the line at ‘indifferentism’ and ‘moral relativism’. All belief systems are not the same. The ones who push it the most are the ones who seek to replace it with something less. Again, indifferentism paves the way to moral decay. Don’t let it seep into your thinking. May you please God, and may you live forever.

“Oremus pro beatissimo Papa nostro Benedicto XVI: Dominus conservet eum, et vivificet eum, et beatum faciat eum in terra, et non tradat eum in animam inimicorum eius.”



Powered by WebRing®.
This site is a member of WebRing.
To browse visit Here.
Catholic Blogs Page




Italian Bloggers
Religion Blogs


Don't consider abortion ...


... give a child the chance to tell you how much life is appreciated



WARNING!!! This blog is heretic repellent ...


MODERN CATHOLICS SEE THE CHURCH AS AN ‘OLD-FASHIONED’ DISCRIMINATORY INSTITUTION OF WHICH THEY ARE ASHAMED – A TRADITIONAL CATHOLIC WILL DIE TO DEFEND IT.

MODERN CATHOLICS WOULD JUST AS SOON LEAVE THE CHURCH FOR A TRENDY ALTERNATIVE IF THEY DON’T GET THEIR WAY – A TRADITIONAL CATHOLIC WILL REMAIN UNTIL THE END OF TIME.


THE CHURCH MILITANT NOW, MORE THAN EVER, NEEDS STRONG WARRIORS.




The Catholic Church doesn’t need progressives, Nor does it need Reactionary Conservatives - It badly needs Catholic Traditionalists that practice faith, hope and charity. So don’t be shy! Come forward.

“When Christ at a symbolic moment was establishing His great society, He chose for its corner-stone neither the brilliant Paul nor the mystic John, but a shuffler, a snob, a coward - in a word, a man. And upon this rock He has built His Church, and the gates of Hell have not prevailed and will not prevail against it. All the empires and the kingdoms have failed because of this inherent and continual weakness, that they were founded by strong men and upon strong men. But this one thing - the historic Catholic Church - was founded upon a weak man, and for that reason it is indestructible. For no chain is stronger than its weakest link.”
(G.K. Chesterton)



Anno Sacerdotale

Pope Benedict XVI has declared a “Year for Priests” beginning with the Solemnity of the Sacred Heart of Jesus on June 19, 2009. The year will conclude in Rome with an international gathering of priests with the Holy Father on June 19, 2010.
******

Quest'anno sia anche un'occasione per un periodo di intenso approfondimento dell'identità sacerdotale, della teologia del sacerdozio cattolico e del senso straordinario della vocazione e della missione dei sacerdoti nella Chiesa e nella società.
******

Let your light so shine before men that, seeing your good works, they may glorify your Father in Heaven. (Matthew 5:16)
******

In Domino laudabitur anima mea.





"That sense of the sacred dogmas is to be faithfully kept which Holy Mother Church has once declared, and is not to be departed from under the specious pretext of a more profound understanding."- Pope Leo XIII, Testem Benevolentiae

Nessuno di noi entrerà in Paradiso senza portare con sé un fratello o una sorella. Ciascuno di noi deve uscire dalla folla e reggersi sulle proprie gambe, fiero di essere un Cattolico e capace di testimoniare la sua Fede.
Ci stiamo comportando come se la Fede Cattolica fosse un affare privato. Questo non è affatto vero. Penso che potremo andare molto, molto lontano, se riusciremo a convincere tutti i Cattolici a farsi carico della salvezza del mondo intero.
Il mondo ha bisogno di essere salvato e deve essere ciascuno di noi a farlo.




Cantate …


Cantate Domino canticum novum. Cantate Domino omnis terra. Cantate Domino et benedicite nomini Ejus. Annuntiate de die in diem salutare Ejus.

Causa nostrae laetitiae




“We can believe what we choose. We are answerable for what we choose to believe”.
(John Henry Newman)



Pueris manus imponit

Iesus vero ait eis - Sinite parvulos, et nolite eos prohibere ad me venire - talium est enim regnum caelorum.




“There is another essential aspect of Christianity: the interior, the silent, the contemplative, in which hidden wisdom is more important than practical organizational science, and in which love replaces the will to get visible results”.
(Thomas Merton)



Lo Spirito Santo


Uno dei Suoi nomi è "Consolatore"!




Confession

Confession heals, confession justifies, confession grants pardon of sin. All hope consists in confession. In confession there is a chance for mercy. Believe it firmly. Do not doubt, do not hesitate, never despair of the mercy of God. Hope and have confidence in confession.




“Almeno sei volte durante gli ultimi anni mi sono trovato nella situazione di convertirmi senza esitazione al cattolicesimo, se non mi avesse trattenuto dal compiere il gesto azzardato l'averlo già fatto”.
(G.K. Chesterton)



"Whatsoever I have or hold, You have given me; I give it all back to You and surrender it wholly to be governed by your will. Give me only your love and your grace, and I am rich enough and ask for nothing more."

(St. Ignatius of Loyola - Spiritual Exercises, #234)



"Mia madre è stata veramente una martire; non a tutti Gesù concede di percorrere una strada così facile, per arrivare ai suoi grandi doni, come ha concesso a mio fratello e a me, dandoci una madre che si uccise con la fatica e le preoccupazioni per assicurarsi che noi crescessimo nella fede".
J.R.R. Tolkien scrisse queste parole nove anni dopo la morte di sua madre.






Be on your guard; stand firm in the faith; be men of courage; be strong. (1 Corinthians 16:13)




“Beati sarete voi quando vi oltraggeranno e perseguiteranno, e falsamente diranno di voi ogni male per cagion mia. Rallegratevi ed esultate perché grande è la vostra ricompensa nei cieli”.